Una storia vera

 

Eccoci nuovamente insieme.

Mi devo scusare con tutti per questa mia lunga assenza ma ultimamente, ho iniziato a lavorare in un nuovo ristorante.

Dove oltre ad occuparmi della cucina mi è stato chiesto di reimpostare anche tutta l’organizzazione.

Devo dire che non avevo mai visto niente del genere.

Se come a me vi affascinano le avventure di Gordon Ramsey in cucine da incubo.

Vi garantisco che questo ristorante non sarebbe stato utilizzato nella serie.

Perché?  L’incubo era tale che non ha speranze.

È stato aperto da persone estranee al settore, senza un posizionamento forte.

  • Faceva panini
  • Tost
  • Pizzette
  • Pesce
  • Carne
  • Pasticceria
  • Panetteria

Il loro brand prevedeva di avere un locale che si trasformasse:

  • da bar per le colazioni
  • trattoria per i pranzi di lavoro a basso costo
  • ritrovo per aperitivi
  • ristorante/pizzeria per la cena
  • in pub/ birreria per il dopo cena.
  • “Cavolo se mi fanno anche la dichiarazione dei redditi mi ci trasferisco a vivere”

Non sarò mai stanco di dire che far tutto significa, agl’occhi dei clienti, far tutto male.

Come se non bastasse la professionalità del personale era piuttosto scadente.

Vi domanderete allora che cavolo ci faccio ancora lì?

Che ci volete fare sono un po’ pazzo e poi adoro le sfide.

E malgrado ciò, non sono sicuro di poter rimediare a tutti i danni fatti.

Adesso veniamo al cuore dell’articolo.

Vorrei condividere con voi, in questo post, i passaggi che sto facendo per risistemare il ristorante.

Credo che siano un buon spaccato di realtà dopo i post in cui parlavo delle azioni da svolgere in un ristorante perfetto.

1-Sistemare i magazzini e la cucina.

  • Ho inventariato le scorte presenti
  • Pulito a fondo la cucina
  • Modificato il menù (in un primo momento per smaltire scorte di prodotti acquistati senza motivo)

2-Formare le persone

  • Formato il personale di cucina
  • Iniziata la formazione dei ristoratori
  • Iniziato a formare il personale di sala

3- creato un posizionamento

Qui non mi è stato possibile fare tutto quello che ritenevo opportuno perché ho dovuto mediare con i sogni e le speranze dei ristoratori. Ho dovuto ripiegare su una posizione di compromesso e puntare tutto sulla qualità dei prodotti e sulla creazione di un ristorante pizzeria per famiglie. (Voi sapete quanto sia difficile farsi largo tra mille altri ristoranti pizzeria)

4- creato un nuovo menu per la cucina. Un menù più semplice e classico, con meno piatti.

  • Che dia più velocita ai cuochi
  • Riduca gli sprechi
  • Permetta acquisti più oculati e faccia aumentare la qualità dei prodotti.

5- generare marketing

  • Restyling di biglietti da visita e flyer
  • Restyling della pagina facebook
  • Attivazione di un programma giornaliero di post sui social
  • Pay per clic sui social
  • Programmazione di eventi settimanali (cene a tema e eventi mondani)

I prossimi passi che reputo necessari sono molti e assai strutturati.

Ci sarà solo da capire quanti di questi passi riuscirò a fare.

Ma di questo parleremo nei prossimi post.

P.S. ad oggi i risultati mi dicono che abbiamo un accenno di miglioramento sui pranzi di lavoro. Spero solo che questo inneschi un primo passo verso la luce.

A presto guerrieri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...